Sei ragazzine, 90 mq e lo Sposo Errante

Elenco di conclusioni empiriche, ottenute dall’osservazione, per due volte in un mese, del comportamento di sei ragazzine undicenni, nei 90 mq della famigliola:
1. All’interno di uno spazio ridotto, è sufficiente una quantità di ragazzine superiore all’unità, per credere di essere capitato per sbaglio in una affollata e ridanciana sagra estiva.
2. Le divise scolastiche in fibra sintetica che indossano, associate agli ormoni della pre-adolescenza, sono un miscuglio chimico- batteriologico, di natura aliena.
3. Le ragazzine hanno una fame pari a quella di mille energumeni iper palestrati dopo una seduta di sei ore con i pesi.
4. Se A fa un’affermazione, C dirà l’esatto opposto, D replicherà, E dissentirà, F si offenderà, e poi faranno pace scambiandosi baci e abbracci, promettendo di non litigare mai più nella loro vita, salvo dimenticarsene dopo un po’.
5. Camminano in gruppo, come stormi di uccelli. Si spostano all’unisono vicine vicine da una stanza all’altra.
6. Soffrono della sindrome “effetto ola della pipì”. Se una di loro manifesta l’urgenza di recarsi in bagno, tutte le altre saranno colpite dalla stessa esigenza, quindi ci andranno contemporaneamente. Che in casa di bagni ce ne siano due, è un dettaglio irrilevante.
7. Stazionano dentro una stanza per parlare, con porte e finestre serrate. Se per caso ti ritrovi dietro la porta con l’orecchio appoggiato, non riesci a decriptare il loro linguaggio, sentendo soltanto confusi bzi bzi.
8. Se l’incontro avviene subito dopo la scuola, con loro avranno un ricambio comprensivo di : a. scarpe b. collant c. gonna e maglietta d. borsetta (anche se non devono uscire) e. le più ardite anche lucida- labbra e ombretto.
9. Cambiano umore alla stessa velocità dei climi continentali. Sono un grafico impazzito di allegria, ombrosità, tutte coccole, non ti avvicinare, stai qui anche tu, vattene via, mi sto divertendo da morire, uffa che noia…
10. La loro idiosincrasia per l’ordine è pari all’avversione di Superman per la criptonite, di Maga Magò per Merlino, di Paperone per la Banda Bassotti. Lasciano sparsi ovunque con lieve noncuranza, zaini, scarpe, giacche, sciarpe, cappelli, borsette.
11. Ridono, ridono, ridono, ridono tanto, nel loro modo unicamente femminile di appassionarsi alla vita, che a guardarle ti viene il buon umore…almeno Tizianeda osservandole, si è proprio divertita, nonostante la fatica.

Tuttavia, lei ha il sospetto, che se consentirà l’accesso in casa, per la terza volta, a tanto tripudio chiassoso, lo Sposo Errante, già vistosamente provato nel corpo e nello spirito, potrebbe dirle una cosa tipo “Tesoro, è arrivato proprio oggi un certo Jaco Pastorius in città. Gli porto il basso elettrico, per farmelo accordare e torno”. Ed uscendo con il suo oggetto preferito, con cui va a musicare quando può con i suoi amici cinquantenni, uscirà e non tornerà più.

Tizianeda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *