E’così. Vero?

“Hahahahaha, sembri una bambina…”
Hahahahaha…ma che ridere…
E va bene che la mattina Tizianeda, quando correndo accompagna il settenne a scuola, non fa caso agli abbinamenti cromatici, non si cura di esaltare sin dalle prime luci del giorno la sua femminilità e insomma si veste a muzzo (per chi non fosse del sud suddissimo: come viene viene). E va bene che quella mattina i suoi piedi erano valorizzati dalle ballerine verde pantofola e che indossava lo zaino del settenne come l’imbracatura di un paracadute, però fuori misura. Ed è vero che in quei 5 minuti di tragitto a piedi, scherza ride e gioca con il maschio piccolo di casa, incurante del mondo che le gira intorno e che i suoi capelli sono più anarchici di quelli di Maga Magò. E’ vero che non è truccata perché a quell’ora lo trova inutile e comunque nessun restyling la salverebbe dalla sua faccia stropicciata. E’ anche vero che questa sua assoluta atarassia mattiniera verso le forme la fa sentire una donna libera ed emancipata, come quelle femministe che un tempo uscivano senza reggiseno. Ed è vero che a quarant’anni ormai sente che nel suo corpo non perfetto, formoso e che finisce quasi subito si trova bene anzi benissimo, nonostante i cambiamenti geologici (leggi due gravidanze), perché è la verità del suo corpo, di cui si prende cura, che parla per lei e con lei. E quei due si trovano simpatici e anche un po’ cialtroni. Ed è vero che oggi guarda con affetto, tenerezza e indulgenza a quell’adolescente inquieta e sbrindellata di tanto tanto tempo fa, che invece non si piaceva affatto.
E allora se è vero tutto questo, Tizianeda sicuramente non avrà conferito nessunissima interpretazione pessimista, alla dichiarazione della tri-mamma bonissima, altissima come i tacchi delle sue scarpe, con i leggins color gambaletto – che in tutto il mondo stanno bene sì e no a 100 donne e lei è una di queste 100 – e la maglietta corta che mostra il mistero affascinante di una pancia perfetta. Anzi, se è vero che il raggiungimento di una sicurezza corporea ed intellettuale la salvano da meccanismi mentali perversi, Tizianeda avrà accolto la affermazione “sembri una bambina” con simpatica risata annessa, come un piacevole complimento, di quelli che si scambiano le mamme a scuola, tra una corsa e l’altra.
E’ così. Vero?

Tizianeda

2 thoughts on “E’così. Vero?”

  1. fabio cuzzola ha detto:

    Levità e leggerezza dell’essere donna!!!

  2. tizianeda ha detto:

    Fortunatamente l’essere donna offre una vasta gamma di possibilità, dai leggins color carne alle ballerine verde pantofola! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *