E se andassimo in America?

Lo vedeva allegro, finalmente soddisfatto, ma anche più distratto. Lo vedeva controllare spesso i messaggi che gli arrivavano copiosi, lo vedeva stare lì a contemplare fotografie con il sorriso rilassato di chi ha ottenuto ciò che cerca da molto tempo ormai. Insomma aveva capito Tizianeda che qualcosa nell’umore dello Sposo Errante era cambiato, che doveva aver appagato il suo inarrestabile desiderio di ricercare intrecci e legami che andassero ben oltre i 90 mq.

Perché, dopo aver perseguitato i parenti italiani, per i quali probabilmente è diventato l’incubo nr. 1, ha stanato all’interno della sua affollata e iperattiva genia, i discendenti americani. Tutti figli nipoti e pronipoti di zii e zie , prozii e prozie, figli di cugini e cugine che a contare i gradi e le connessioni ti perdi. E i parenti americani invece di intimorirsi dinanzi alla pervicacia del parente italiano, ai limiti dello stalking, di terrorizzarsi per le intrusioni continue di quel tipo sconosciuto che li sottoponeva a miriadi di domande e interrogativi con un’insistenza da sadico agente dell’FBI, lo hanno accolto con entusiasmo giocoso, tipicamente americano e con la nostalgia dell’emigrato italiano, scritta nel loro codice genetico.

E così lo Sposo Errante ha intrapreso con i parenti di oltre oceano, un denso e costante rapporto epistolare attraverso il magico mondo di facebook, li ha inseriti nel ciclopico albero genealogico in rete da lui curato da anni con pazienza e amore, e tutti insieme appassionatamente adesso contribuiscono a far crescere i rami dell’albero ipertrofico, con lo scambio e la condivisione di dati e fotografie.
I parenti italiani potranno stare tranquilli. Ormai lo Sposo Errante è proiettato verso lidi lontani lontani…

“Senti Tizianeda…stavo pensando…” “Dimmi Sposo Errante” “E se andassimo in America?”…

Tizianeda

2 thoughts on “E se andassimo in America?”

  1. zio Peppino ha detto:

    E se andate in America vengo anch’io

    1. tizianeda ha detto:

      Purchè ti porti gli altri due 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *