Buoni propositi

Buoni propositi per l’anno che verrà:
. le unghie delle mani non saranno più sbrindellate, ma curate e colorate. Perché così ha fatto questa estate un’amica dopo un pranzo gustoso ed ipercalorico a casa sua in montagna. Dopo il caffè ha imbandito la tavola di smalti multi-cromatici, ne ho scelto uno, lei lo ha steso sulle mie unghie incredule, regalandomi mani di una sconosciuta. Dopo due giorni però i primi cedimenti strutturali, colpa di qualche piatto lavato ed un po’ di detersivo, ho perso l’incanto, sentendomi come Cenerentola dopo il ballo di mezzanotte con il principesempreazzurro. Avendo quindi capito che le mani smaltate sono incompatibili con le faccende domestiche non le farò più…le faccende domestiche intendo.
. imparerò a camminare sui tacchi dodici. Troverò, le mie decolté dimenticate e nascoste come il mondo di Narnia nell’armadio e comprate sul web in un momento di ottenebramento feticista. Andrò dalla mia cugina fighissima, quella di cui vi ho parlato, quella che ha il tacco dodici nella testa prima che nei piedi, le chiederò di svelarmi i segreti della camminata perfetta e magari frequentandola diventerò bona come lei.
. applicherò con disciplina da asceta indiano, la assoluta atarassia, l’indifferenza sentimentale nei confronti del cibo. La cucina calabrese verrà sostituita da piatti ipocalorici ai quali mi abituerò con serena determinazione, come un’elegante ed ossuta signora milanese.
. diventerò la reginetta delle check list, che mi trasformeranno nella persona più organizzata dell’universo interplanetario. Avrò una c.l. per le attività lavorative, una per i bambini, una per la gestione della casa, una per le attività al di fuori della casa, una per curare le relazioni con gli altri una per i colleghi di lavoro, una per disciplinare i miei accessi su internet, una per usare in maniera efficiente le check-list.
. imparerò la lingua inglese. Il mio eloquio raffazzonato e preistorico si trasformerà in una retorica degna di un drammaturgo vittoriano o di un traduttore simultaneo…tempo preventivato per il raggiungimento di un risultato soddisfacente : 10 anni.
. finirò di leggere il libro che giace impolverato sul mio comodino surclassato da altre più fluide letture. Innalzerò la media di approccio giornaliero che, tenendo conto delle lunghe pause di riflessione, è di circa 10 righe, ma soprattutto imparerò a citarne il titolo troppe volte diventato “il Giardino delle ragazze”, “L’ombra degli alberi”, “Le fanciulle sotto l’ombra”, “I fiori sotto l’ombra delle fanciulle” e mi perdoni il signor Proust se la sua opera si intitola “All’ombra delle fanciulle in fiore” . Dopo aver letto questo, ricercherò tutti gli altri suoi libri sperando di finirli prima della vecchiaia.
. andrò spessissimo dall’estetista dal parrucchiere dal massaggiatore ed in palestra, andrò in piscina, a fare corsa, Yoga e pilates non considerando più queste attività tediose o faticose. Le incastrerò nella mia quotidianità nevrotica senza subire cedimenti o ripensamenti, sarò granitica come un lottatore ed ostinata come uno scienziato pazzo.
. ogni tanto fuggirò per qualche giorno, per ricaricarmi o per ritrovarmi, lascerò quei tre a cavarsela da soli, prenderò un aereo per andare al Polo Nord o nel Kamchatka, o soltanto a Roma per trovare la zia M., che amo alla follia, lo zio M. , mia nipote M., e mia nipote I (perché in famiglia ci vuole sempre una lettera dissonante). Per dirmi che anche io lo posso fare, per fregare la paura della distanza, per mettermi alla prova, per avere un tempo che sia tutto mio e di nessun altro, perché i bambini sono più grandi, perché anche io sono cresciuta, forse anche grazie a questo blog che mi fa guardare dentro con un sorriso, ed a voi che mi rendete felice leggendomi pazienti.

Tizianeda

8 thoughts on “Buoni propositi”

  1. bianca ha detto:

    ….sì… spero tanto di vederlo anch’io questo film….!!!! 😀

    1. Tizianeda ha detto:

      Vi stupirò vedrai 🙂

  2. marinella ha detto:

    Tizianeda spropositata!!!!!! Pensa te ,io ho una lista moooolto più breve…………: diventerò calma, amabile e alta!!!!! Facciamo a gara a chi depenna prima??????
    Quanto mi piace lo sproloquio verbale, valvola di sfogo (in sicurezza) mille volte più efficace di quella della pentola a pressione!!! Non se ne abbia a male Papin, ma noi donne siamo decisamente multitasking: sbolliamo spropositando mentre accarezziamo il nostro autocompiacimento ed irridiamo i nostri amabili difettucci, con soave finta ingenuità! Ah, les femmes! <3

    1. Tizianeda ha detto:

      Già viva les femmes cara Marinella e la loro lucida follia! 😀

      1. Aruta ha detto:

        Tizianeda, non mollare, sei tu, con le tue risorse, negli anni accumulate, che sei riuscita a trovare uno splendido modo per affrontare il mare profondo e tumultuoso delle paure ed ancor peggio il mostro Oggipropriononcelapossofare, io sono certa che ci stupirai ancora

        1. Tizianeda ha detto:

          No che non mollo mia cara Aruta in questa terra capovolta c’e troppo movimento… Come una festa caotica ma divertente :-). Baci allegri

  3. Maria ha detto:

    Sto già preparandomi ad accoglierti con amore! Tra i miei buoni propositi settembrini c’è quello di riuscire ad affrontare il G.R.A. senza farmi venire un attacco di panico! (Ti prometto che quando verrai a trovarmi sarò in grado di riaffrontare il mostro).. A presto
    zia M

  4. Tizianeda ha detto:

    Cara zia M. hai ragione il G.R.A. è un mostro temibile. Dovrai fornirti di amuleti magici e cristalli incantati spade affilate e pozioni malefiche. Intanto ti mando i miei saluti allegri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *